Lifestyle

MY ROAD TO PUKULAN

Il Pukulan BN è per me quanto di più simile a una romantica lotta senza fine, ma con me stesso, le mie paure, i miei dubbi, o quelli che penso siano i miei limiti da oltrepassare. Ma prima di tutto Noi Uomini di carne ed ossa ci battiamo contro una forza eterna e invincibile, la Gravità, che grava su di noi in ogni passo in avanti, in ogni sforzo di rialzarci da una caduta, dalla più leggera alla più spietata.

Ogni volta che finiamo un allenamento abbiamo vinto una piccola battaglia, il tempo che passa, i dolori, le lievi ferite, la stanchezza e tutto ciò che implica superare i limiti del giorno prima.

Eppure non smettiamo di combattere, fino all’ultimo colpo, fino al cedimento dei muscoli, fino alla fine di quella voce che riecheggia nella nostra testa.

Per questo,

Ringrazio il mio insegnante, Walter van den Broeke, per avermi permesso di entrare in tempi non sospetti, in contatto con un’Arte che ha un’anima, una storia ed una magia propria.

Ringrazio i miei Assistant, Giuseppe Di TullioManuel Bonaduce e Stefano De Francesco, per aiutarmi a mostrare un tratto di questa splendida e misteriosa Arte Marziale, per aver impresso insieme a me su queste scene, un piccolo passo verso un’altro importante confronto del PUKULAN BUKTI NEGARA.

Ringrazio tutti i miei studenti della MaTjan Academy, dal più anziano al più giovane, per darmi una ragione per cui combattere ogni giorno, per riempirmi fiero il petto dove porto uno stemma da sfoggiare con orgoglio in ogni singola battaglia.

Senza di Voi sarei riuscito ad esprimere solo la metà di tutto questo.

Infine Ringrazio Me, che da qualche angolo del mio spirito, trovo sempre quella forza di un fabbro, ma che forgia se stesso, corpo e mente in una macchina sempre degna di confrontarsi con i migliori d’Italia e d’Europa.

Siamo pronti per la prossima battaglia.
 _

Nessun commento

Lascia un commento