Training

Rompi quello specchio!

Per me la pratica del Pukulan è l’equivalente dello specchiarsi, affinché esso ci mostri realmente se stessi, come siamo e come via via diventiamo; il nostro allenamento personale ci fa da specchio, così come il nostro compagno di allenamento durante le applicazioni.

Assumere la giusta presenza in allenamento è solo il primo passo, fino al momento che nella pratica del Pukulan ci rendiamo conto che l’immagine che vediamo è solo relativa, influenzata dalla nostra passata coscienza, su ciò che credevamo di poter compiere, non era invece nulla in confronto a ciò che in realtà siamo ORA capaci nell’AZIONE.

Allora diventa interessante guardarsi ogni volta da un punto di vista radicalmente diverso e questo è ciò che definisco “attraversare lo specchio”.
Solo dall’altra parte, “oltre ciò che vediamo ad occhio nudo nello specchio” ci sarà tutto se stesso. Ma prima frantumiamo quello specchio con decisione, quello specchio che riflette il nostro Hic et Nunc (Qui & Ora), prima potremo guardare, e andare oltre.

10514715_10203593447904236_2388297536808886830_n

Nessun commento

Lascia un commento