Training

Perchè un Target 3D è meglio di un Boxing Bag?

{"source_sid":"678C95CC-7F59-424C-83BD-468FE29F9830_1612303467128","subsource":"done_button","uid":"678C95CC-7F59-424C-83BD-468FE29F9830_1612303467117","source":"other","origin":"gallery"}
Parte del mio lavoro alla Matjan Academy consiste nel testare e sviluppare esercizi, concetti, procedure e materiali di formazione, e così ho avuto il piacere di mettere le mie mani (e non solo le mie mani 😉) su “FEDO”.
 
Fedo è il nuovo innovativo dispositivo per l’allenamento a solo, prodotto e sviluppato in Italia da www.tad3d.com, un’azienda nota per il “Mario”, un innovativo sistema di bersagli da poligoni tattici di tiro dinamico 3D per armi da fuoco che ha preso d’assalto il mercato alcuni anni fa, ora sono usciti con questo dispositivo di addestramento 3D per applicazioni di combattimento ravvicinato.

FEDO è uno special Dummy dedicato a tutti i praticanti di arti marziali e professionisti della sicurezza che cercano uno strumento professionale ed estremamente realistico per implementare i propri training.

In FEDO si trova un valido strumento e un partner con cui allenarti, che permette di sviluppare e migliorare tutte le tue combinazioni di colpi, senza limiti e in ogni parte letale del corpo umano.

Si può colpire FEDO in ogni sua parte: dalla testa alle gambe; inoltre le braccia e il corpo durante gli esercizi oscillano ricreando una situazione di forte realismo tecnico ed emotivo.

Si può dotare FEDO di una serie di accessori quali pistola, coltello, macete e bastone, permettendo un allenamento in tecniche di self defence e in tecniche di disarmo, oltre a tecniche di “clinch”, colpi abbinati a high kick, middle e low kick, sia esterni che interni; passare e chiudere le braccia per entrare con gomitate e utilizzare varie tecniche-combinazioni su corta distanza, ecc..

Ma perché devo usare un bersaglio tridimensionale?
Ma la vera domanda che ci si dovrebbe porre invece è:
VOGLIO MIGLIORARE … cosa mi offre in più un target tridimensionale?

DX-IMG_0724

I vantaggi nell’uso dei target tridimensionali TAT3D sono indiscutibili e portano il praticante marziale ad essere più preciso e selettivo; esempi e situazioni faranno meglio comprendere perché questi bersagli tridimensionali fanno la differenza nell’allenamento delle percussioni con un bersaglio (Focus, Pao, Sacco, etc).

Profilo-IMG_0737

I bersagli tridimensionali TAT3D permettono di allenarsi con realismo, avendo come punti di riferimento gambe e braccia. Più ci si allena con realismo, più si sarà pronti, se mai ce ne sarà bisogno.

Consapevolezza: Quando si percuote si valuta il risultato del proprio colpo sulla base dell’area colpita. In un lavoro al sacco da pugile, il risultato è determinato dalla potenza con cui si fa vibrare il sacco, senza avere il riferimento dell’esatto bersaglio che si aveva mirato con il colpo (pugno, calcio, ginocchiata, gomitata, etc).
Il bersaglio tridimensionale TAT3D rappresentando la figura umana, permette di comprendere immediatamente l’efficacia o meno del colpo, in base alla parte del corpo colpita, facendo comprendere istantaneamente gli effetti che causerebbe quel colpo, nel momento in cui si fosse in una situazione reale.
Il realismo che ne consegue è fondamentale per la sua crescita e il miglioramento tecnico.

Precisione: L’utilizzo di sagome tridimensionali TAT3D, permette sia di orientare in modo diverso il Coltello-IMG_0736busto e le braccia, utilizzando non solo la posizione frontale, sia di aggiungere oggetti “in mano” rendendoli interamente o solo parzialmente visibili; questo modifica la situazione e la comprensione della minaccia anche a seconda dell’angolo di attacco, ad esempio, se percepiremo come minaccia prioritaria quello con il coltello orientato verso di noi, abbiamo Ottimi punti di riferimento pee dei “Gunting” sulle braccia per l’allenamento con di percussione con bastone/coltello.

Presto vi aggiornerò per ulteriori clip e feedback. Ne abuserò al 100%, credetemi. 😉

Nessun commento

Lascia un commento